Il mainagioia universitario

mainagioia universitarioQuando finalmente sei libero dalla maturità e pensi di poter finalmente vivere ed essere felice, ti iscrivi all’università e… no, è peggio!

L’università è un girone infernale, riservato a noi poveri studenti, pieno di mainagioia. Ecco a voi, quindi, i 5 momenti di mainagioia universitario:

1. Quando le lezioni iniziano alle 8.00 e tu pendolare mainagioia devi svegliarti ore e ore prima.

Essere pendolare è la cosa più brutta che possa succederti, perché se sei così sfigato da avere le lezioni solo alle 8.00 di mattina, devi svegliarti 2/3 ore prima per arrivare in tempo. E intanto, i tuoi compagni di corso che sono in sede, se ne vengono tranquilli ancora con i segni del cuscino stampato in faccia. O altri, ancora peggio, che frequentano un corso diverso dal tuo hanno sempre lezione alle 10:00 o 11:00. E tu sei lì a disperarti per il tuo mainagioia perenne.

2. Quando all’esame ti chiedono l’unica cosa che non sai.                 

Ok, forse questo è il peggiore di tutti, perché tu ti sbatti per mesi, giorno e notte, a studiare fino a diventare uno zombie irriconoscibile, arrivi all’esame e…BAM! ti chiedono puntualmente l’argomento che non sei riuscito a capire o memorizzare e così aspetti la prossima sessione, ricominciando il ciclo di trasformazione o studio.

3. Quando arrivata la sessione e il libro viene pubblicato poco prima dell’esame.

Ditemi che è successo anche a voi! Ti prepari perfettamente per l’esame, ma sei consapevole che il secondo o terzo libro, purtroppo, non è ancora stato pubblicato. Ma nessun problema, tu hai frequentato le lezioni e hai i tuoi preziosi appunti, quindi se chiede qualcosa che non ha detto non è colpa tu, no?
No. Perché sei talmente mainagioia che il libro viene pubblicato due giorni prima dell’esame e sei costretta a studiartelo in quell’arco di tempo. Inutile dirlo, ma…CI VEDIAMO AL PROSSIMO APPELLO.

4. Quando l’assistente è un pezzo di pane, ma ti salta e capiti col prof stronzo.

C’è sempre questa profonda paura di essere chiamati da qualcuno che vi farà pentire del giorno in cui sei nato. E i giorni dell’esame c’è un via vai di “ma com’è l’assistente?” e quando scopri che un angelo sceso in terra per promuovere tutti gli universitari mainagioia ti ha messo nella sua lista sei finalmente felice. Ma essendo un vero e proprio mainagioia vivente, lui ti salta pensandoti assente, e il prof con sete di guerra ti nota e ti chiama lui ed è il che…CI VEDIAMO AL PROSSIMO APPELLO.

5. Quando decidi di studiare seriamente ma i tuoi coinquilini sono contro di te.

Se siete degli studenti fuori sede e abitate con più di 3 persone in casa, saprete bene che studiare è umanamente impossibile. Ti metti in camera, apri il Pc, i libri, inizi a leggere e intanto la tua coinquilina di camera decide di voler pulire, e quindi si da il via all’aspirapolvere, musica e chi più ne ha più ne metta. Oppure, accendono la tv al massimo e decidono che chiaccherare a voce altissima come se si stesse ad un concerto è la cosa più giusta da fare. E quindi, parte il “anche oggi si studia domani.”

 

E, se anche tu vivi spesso momenti di mainagioia universitario, acquista la nostra maglia dedicata! 😀

mai una gioia

Link all’acquisto: https://blog.unicafe.it/prodotto/mai-una-gioia/

Condividi l'articolo su: